Surly Bridge Club: offroad tourer

Surly Bridge Club

Surly Bridge Club è la nuova proposta Surly nella categoria delle biciclette da viaggio e, lasciando stare la Pugsley che è una fuoriclasse del fuoristrada, si colloca a metà strada tra la ECR con gomme 29 Plus da grandi spedizioni sui terreni più difficili e la LTH che è la regina incontrastata delle biciclette da viaggi lunghi con le borse su strade asfaltate o sterrate.

Dunque l’ennesima nicchia della nicchia o una nuova proposta da parte di quei barbuti di Surly che pensano sempre a nuovi modi di andare in bicicletta?

In un certo senso la Bridge Club è la risposta di Surly alla Fargo dei “cugini” di Salsa, una bici da viaggio polivalente, che può utilizzare coperture da 700C oppure aggressive 650b Plus per affrontare qualunque tipologia di viaggio. La differenza è nella posizione ottimizzata per manubrio Flat o multiposizione, come il Moloko che offre più possibilità di prese di un Drop Bar.

Surly Bridge Club

Bridge Club, come da tradizione Surly adotta un telaioin acciaio a doppio spessore e protetto con procedimento di elettrolisi per eliminare il rischio di ruggine. Il telaio è semplificato in alcuni particolari, come i forcellini, che sono verticali, con attacco freno IS e possono accettare mozzi QR 135 oppure 141. La bici infatti è progettata attorno a mozzi Boost QR da 141 mm per consentire il gioco della catena e un volume maggiore di gomma. La spaziatura posteriore è Gnot Boost QR, in quanto il telaio è progettato a 138mm. Ciò consente l’utilizzo di hub QR Boost da 141 mm o hub QR da 135 mm standard. Il telaio si fletterà dentro o fuori di 1,5 mm per lato per adattarsi alla larghezza del mozzo. È la stessa idea di Gnot Boost, ma basata sugli assi QR piuttosto che sugli assi passanti.

Surly Bridge Club

La Bridge Club ha comunque la solita la dotazione “minima” di attacchi per una Surly, frutto di molti anni di progettazione e test delle biciclette da turismo più diffuse al mondo, che hanno portato a includere set di funzionalità che rappresentano praticamente tutto ciò che potresti voler collegare alla tua bici.

Per un eccezionale base di partenza per il turismo fuoristrada, come anche per l’ECR, ci sono numerosi supporti a tre fori, slot Rohloff dedicati, supporti per portapacchi e staffe consentono opzioni quasi infinite quando si tratta di personalizzazione. Il Bridge Club semplifica queste funzionalità per le tue necessità che ti faranno tornarea casa.Il telaio ha tre attacchi per bottiglie sulla parte superiore e inferiore del tubo obliquo e un supporto per borraccia per tubo sella sui telai SM-XL. Le triple guide sul tubo superiore e le singole guide altrove si occupano delle tue esigenze di passaggio cavi. Esistono attacchi a botte montati sul posteriore per le esigenze di montaggio portapacchi e un supporto per parafango sul ponticello dei foderi obliqui.

La forcella, sempre in acciaio e compresa nel kit telaio, è dotata di boccole superiori e inferiori sugli steli, un set attacco da tre fori su ciascuna gamba, occhielli nella parte mediana e supporti per rack sulle estremità della forcella.

Surly Bridge Club

La grande differenza rispetto alle altre Surly da touring è che il Bridge Club è progettato attorno a ruote / pneumatici da 27,5 x 2,4 “(584 BSD). Abbiamo progettato il Bridge Club per essere una buona base da turismo fuoristrada, ma abbiamo tenuto presente che qualcuno potrebbe voler metterci sotto ruote / pneumatici da 700c e borse laterali e partire per un classico tour su strada, e questo è totalmente fattibile con la Bridge Club.

In termini di dimensioni delle ruote e opzioni di montaggio, la versatilità è il suo piatto forte. Si adatta a pneumatici 2.8 (724 mm di diametro) sui cerchi da 27,5 ma arriva a gestire anche gomme 700c x 47 s (716 mm di diametro) e volendo anche 26 x 3″ (722 mm di diametro). Ogni variazione sposterà il movimento centrale verso l’alto o verso il basso. Si può calcolare l’altezza in modo esatto dimezzando la differenza nel diametro della ruota. Tuttavia, come diametro generale della ruota, il cerchio “tweener” 27,5 “funziona molto bene. È la dimensione che funziona per la maggior parte delle stature, rotola bene ed è facilmente reperibile in molte parti del mondo quando siete in viaggio.

Quindi abbiamo un asso pigliatutto, una Tourer perfetta sia in fuoristrada che su asfalto. Ma non solo, le parti semplificate del telaio rendono il prezzo di ingresso al mondo dei viaggi davvero allettante. Se cercate un’ottima base per una compagna di viaggi che potrà seguirvi per molti anni la nuova Bridge Club fa per voi, e tra un viaggio e l’altro potrete usarla per muovervi in città, andare a lavorare, e farci delle uscite in campagna.

Scopri la disponibilità di Surly Bridge Club su Pedaldomain.com lo shop online:

Surly Bridge Club Frameset Dark Black

Surly Bridge Club Frameset Green

2 Responses
  1. Roberto

    Buongiorno, non ne sono molto di biciclette e forse faccio una domanda stupida: come è possibile che il tubo centrale (quello tra manubrio e sella) abbia inclinazioni così differenti nelle fotografie? Da quasi parallelo al terreno a “slope”. Forse dipende dalla taglia, o dal fatto che c’è il modello da uomo e quello da donna? Certo le due bici del video sembrano quasi due modelli diversi, da tanto la geometria è differente. Grazie!

    1. admin

      ciao. è tutta questione di geometrie ma normalmente le variazioni della quota di looping incidono poco sugli angoli caratteristici delle bici.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.