Tutto sulla Manitou Mezzer Pro

Manitou Mezzer Pro

La forcella Mezzer Pro è la forcella da Enduro e E-Enduro di Manitou, con steli da 37 mm ed è disponibile in entrambe le misure di ruote più diffuse con due offset diversi disponibili (37 mm, 44 mm per 27,5 ” e 44 mm, 51 mm per 29″). La forcella è disponibile con escursione da 140 a 180mm (in incrementi di 10mm), variabile direttamente dall’utente e dispone di regolazioni per compressione ad alta e bassa velocità, estensione e IRT (Infinite Rate Tune).

Una delle caratteristiche uniche della Mezzer Pro è la seconda camera IRT che consente di regolare la sensazione di metà e fine corsa della forcella senza influire sulla corsa iniziale. La regolazione IRT si trova nella parte superiore della gamba del lato opposto alla trasmissione, mentre la molla pneumatica principale si trova nella parte inferiore. Essenzialmente si tratta di un sistema a doppia molla pneumatica con la molla pneumatica principale che gestisce l’inizio e la metà della corsa e l’IRT che gestisce la metà e la fine della corsa. L’IRT è una versione più regolabile dei riduttori di volume d’aria tramite Token.

Dai test effettuati la Manitou Mezzer è più rigida del 28% rispetto alla concorrenza principale. Ciò è in parte dovuto agli steli da 37 mm, ma anche al posizionamento dell’arco inverso di Mantiou. La posizione dell’arco posteriore è più basso rispetto a un tradizionale arco forcella anteriore. Ciò aumenta la rigidità e riduce il peso complessivo.

La Mezzer versione 2023 usa steli V2 dotati di valvole di compensazione per equalizzare la pressione interna quando di sale di quota. Con una semplice brugola si aprono in pochi secondi le due valvole posteriori che immediatamente equalizzano la pressione interna con quella atmosferica.
Lo chassis è incredibilmente  rigido grazie al diametro dei foderi da 37 mm, che anche per l’enorme archetto posteriore non teme il confronto con forcelle da 38 mm di diametro che però pagano un importante scotto a livello di peso nei confronti della Mezzer: solo poco più di 2,000 grammi per Mezzer quando la concorrenza da 38 vede collocarsi l’ago della bilancia almeno 200 grammi sopra.

Manitou Mezzer Pro LE

  • CORSA da 140 a 180 ricollocando i token interni (niente aste da acquistare)
  • Steli 37 mm
  • Peso 2.000 gr. per la 27,5 e 32 grammi di più per la versione 29

Disponibile IMMEDIATAMENTE sul nostro sito Pedadomain.com. e presso tutti i nostri Dealer al pezzo di 1.199 Euro.

Caratteristiche Tecniche

La Manitou Mezzer Pro è la forcella da Enduro della casa americana che ha introdotto la prima forcella ammortizzata specifica per mtb e continua a innovare con una linea di forcelle dalle forme inconfondibili ed estremamente apprezzate per la regolabilità e possibilità di personalizzazione.

Lo chassis con steli da 37 mm insieme all’ archetto rovesciato ottimizzato, una testa in lega forgiata cava con cannotto conico in lega da 1,5 “e un perno passante Hexlock SL3 15 x 110 mm, ha il rapporto tra peso e rigidità migliore della categoria, tanto da essere omologato anche per utilizzo Enduro su Ebike con escursione fino a 180 mm. La forcella è equipaggiata con supporto pinza Post Mount da 180 mm (max 223 mm disco utilizzabile).

Il Reverse Arch, grazie al posizionamento posteriore offre alcuni vantaggi rispetto al tradizionale posizionamento anteriore. In prima battuta è più corto, rigido e leggero perchè utilizza meno materiale, poi protegge le tenute degli steli dagli spruzzi di acqua e fango della ruota anteriore, e permette un passaggio del tubo del freno anteriore completamente riparato e naturale (esiste anche la possibilità di passare il tubo freno daventi, come nelle forcelle tradizionali..

I punti di forza della Mezzer Pro sono però gli elementi ammortizzanti e le regolazioni che possono essere effettuate su questa forcella, che la rendono unica e molto più semplice da regolare rispetto a tutte le principali concorrenti.

La Mezzer Pro è una forcella con sospensione pneumatica, ma la sua configurazione della molla pneumatica è in qualche modo non convenzionale. Come la maggior parte delle forcelle moderne, la Mezzer Pro utilizza camere d’aria positive e negative con equalizzazione automatica, riempite attraverso un’unica valvola. La Mezzer Pro aggiunge poi una seconda camera positiva regolata in modo indipendente, che Manitou chiama Infinite Rate Tune, o IRT. La camera IRT viene riempita attraverso il tappo superiore, nella posizione utilizzata dalla maggior parte delle forcelle per l’unica valvola dell’aria. Quindi la valvola per le camere positiva e negativa si trova nella parte inferiore della gamba lato molla, vicino alla pinza del freno.

Derivata dalla mitica forcella da DH la cartuccia pneumatica Dorado utilizzata nella Mezzer Pro è un elemento unico e innovativo all’interno dello stelo sinistro. Per bilanciare la camera positiva e negativa, Manitou utilizza una valvola di chiusura a fungo all’interno del pistone pneumatico ed entrambe le camere si riempiono di aria simultaneamente quando si collega la pompa dell’ammortizzatore alla valvola principale. Quindi sia la camera positiva che quella negativa si aprono e si chiudono simultaneamente.

Il modo in cui funziona la molla della Mezzer Pro è abbastanza semplice. Le camere positive e negative “principali” (“positiva”, “negativa” e “IRT”) funzionano in modo identico a quelle della maggior parte delle forcelle con sospensioni pneumatiche, ma la camera IRT è effettivamente una seconda camera positiva, sovrapposta a quella principale. Un pistone flottante separa i due, scorrendo su un albero che limita la profondità con cui il pistone può entrare nello stelo.

La camera IRT funziona a una pressione significativamente più alta (la guida all’installazione di Manitou consiglia circa 30-40 psi in più rispetto alla camera principale, a seconda del peso del ciclista e della configurazione dell’escursione) e all’inizio della corsa della forcella, la pressione nella camera IRT rimane superiore a quello nella camera principale, e di conseguenza il pistone flottante non si muove. Ma una volta che la forcella si comprime abbastanza profondamente nella sua corsa, la pressione nella camera principale raggiunge quella della camera IRT, e le due iniziano a comprimersi simultaneamente, con il pistone flottante che viene spinto verso l’alto nella forcella dalla pressione nella camera principale, e di conseguenza comprimendo la camera IRT.

Per una spiegazione visiva più dinamica, guarda questo video di Manitou:

Ci sono un paio di motivazioni dietro questa disposizione a 3 camere. Innanzitutto, può creare una forcella con un livello di  supporto più alto che può ancora utilizzare l’intera corsa. In secondo luogo, può farlo senza troppa durezza nella parte più profonda della corsa perché la pressione nella camera principale, relativamente piccola aumenta rapidamente a metà corsa, senza che la forcella continui ad aumentare altrettanto rapidamente proseguendo nella parte terminale della corsa, poiché il volume della camera d’aria positiva aumenta effettivamente quando entra in gioco la camera IRT.

Questo apre anche una varietà di possibilità di messa a punto che non sono disponibili in una forcella con sospensione pneumatica più convenzionale, perché la modifica della pressione relativa tra la camera principale e quella IRT cambia in modo significativo la forma della curva della molla. Una maggiore differenza tra la pressione principale e quella IRT fa sì che l’accelerazione a metà corsa continui più in profondità nella corsa e rende la forcella complessivamente più progressiva supportata. Una differenza minore riduce l’accelerazione a metà corsa, rendendo la forcella un po’ più flessibile e sensibile agli urti più piccoli.

La seconda valvola pneumatica della Mezzer Pro significa che l’impostazione della forcella è un po’ più complicata rispetto alle forcelle pneumatiche più convenzionali e l’ordine delle operazioni è importante: la pressione IRT dovrebbe essere impostata per prima e la camera principale per seconda. Se la pressione nella camera principale viene impostata per prima, rendendola di conseguenza maggiore di quella nella camera IRT al massimo, il pistone che separa i due si sposterà verso l’alto, rendendo il volume della camera principale più grande e l’IRT più piccolo del previsto. Quindi, se la pressione IRT fosse impostata per seconda, il pistone si abbasserebbe (in parte fino alla posizione prevista, o forse completamente, a seconda della differenza tra IRT e pressione principale scelta) aumentando inavvertitamente la pressione della camera principale. Fare prima l’IRT e mantenerlo maggiore della pressione nella camera principale evita questo pericolo.
C’è un’altra differenza nell’impostare la pressione principale. La maggior parte delle forcelle moderne equalizza la pressione tra le camere positive e negative con una piccola fossetta ricavata all’interno dello stelo, che consente all’aria di bypassare la guarnizione del pistone nella posizione di massima estensione/completamente estesa. Ciò significa che la pressione tra le camere positiva e negativa si riequilibra automaticamente ogni volta che la forcella raggiunge il massimo, ma significa anche che c’è un breve tratto di corsa (nella parte superiore della corsa) in cui l’aria può bypassare il pistone e non iniziare a fornire qualsiasi forza elastica, finché quella porta di trasferimento non è chiusa. Si tratta di un difetto della maggior parte delle forcelle con sospensioni pneumatiche, che Manitou ha voluto eliminare.

Per aggirare la necessità di una fossetta, la Mezzer Pro equalizza entrambe le camere positive e negative quando la pompa  è collegata alla valvola che le riempie. Ciò significa che non è necessaria una fossetta nel montante e nessun punto piatto nella curva della molla prima che il pistone superi quella fossetta. Significa anche che, quando una pompa dell’ammortizzatore è attaccata alla forcella, la molla pneumatica non fornisce alcuna forza elastica e la forcella può abbassarsi molto facilmente sotto il proprio peso o quello della bici. Se poi si scollega la pompa in quello stato abbassato, la valvola che separa le camere positive e negative si chiude e la forcella rimane bloccata. Pertanto, è importante impostare la pressione dell’aria nella caamera principale (da sotto lo stelo) con la bici su un supporto da lavoro e non appesantita e/o ricordarsi semplicemente di tirare la forcella fino alla massima estensione quando si scollega la pompa.  Tenere sempre a mente questa differenza e non ci sarà alcun problema nel gonfiare la camera principale.

Un vantaggio del suo meccanismo di equalizzazione della molla non convenzionale è che la Mezzer Pro non richiede aste dell’aria diverse per cambiare la sua corsa. Poiché il pistone ad aria non ha bisogno di trovarsi nello stesso punto del montante in alto per far funzionare l’equalizzazione della camera positiva/negativa, la Mezzer Pro viene semplicemente fornita con quello che è effettivamente l’asta dell’aria con escursione di 180 mm, insieme a una serie di distanziali che possono essere utilizzati per impostarla a 170, 160, 150 o 140 mm. Per fare ciò è necessario togliere i foderi inferiori dalla forcella e aprire la molla pneumatica, ma è un lavoro semplice che chiunque abbia una certa familiarità con le forcelle e alcuni strumenti di base può eseguire in circa 20 minuti.

i due distanziali che servono a diminuire la corsa di 10 mm

La Mezzer Pro non utilizza alcun tipo di distanziatore di volume per la regolazione della progressione, affidandosi invece al sistema IRT per regolare la curva della molla.

Infatti come spiega Manitou, l’Infinite Rate Tune (IRT) è una configurazione della molla pneumatica a due stadi che consente una regolazione avanzata della velocità della molla regolando in modo indipendente le pressioni dell’aria all’inizio, alla metà e alla fine della corsa. La molla pneumatica positiva secondaria IRT agisce solo dalla metà alla fine corsa della forcella. Ciò consente di impostare la molla pneumatica primaria su pressioni inferiori per una migliore sensibilità ai piccoli urti, mantenendo il supporto a metà corsa regolabile in modo indipendente e l’accelerazione di fondo corsa. La forcella in questo modo rimane molto sostenuta soprattutto in curva mantenendo tutta la corsa utilizzabile in ogni momento in caso di urti con ostacoli sul terreno, con la massima sensibilità.

In pratica questo sistema permette di regolare la progressività della forcella anche in base al percorso che si deve affrontare, per le gare o le sessioni di allenamento in Bike Park è sufficente usare la pompa per aumentare la progressività a fondo corsa, invece di smontare la forcella e inserire dei distanziali (Token).

La Mezzer Pro utilizza una cartuccia ammortizzante MC2  che usa una camera d’aria con una valvola di sfiato per prevenire fondo corsa sotto alte pressioni e mantenere lo smorzamento controllato e costante, indipendentemente dal terreno. L’ammortizzatore include un fondo corsa idraulico per evitare che urti violenti raggiungano il rider in caso di atterraggio durante i salti più impegnativi.

 

L’MC2 ha un unico regolatore di estensione nella parte inferiore della gamba e regolatori di compressione separati ad alta e bassa velocità nella parte superiore. L’ammortizzatore MC2 è , come dicevamo, dotato di un circuito idraulico di finecorsa (HBO), che entra in gioco negli ultimi 30 mm di corsa e fornisce ulteriore smorzamento della compressione in quella parte della corsa. Il circuito HBO non è regolabile esternamente, viene settato in fase di assemblaggio, ma può essere ritarato durante la manutenzione dell’ammortizzatore, se necessario.

L’ammortizzatore MC2 include porte di spurgo nella parte superiore e inferiore della cartuccia, in modo che sia possibile uno spurgo a siringa (simile a come funzionano la maggior parte dei kit di spurgo dei freni), rendendo la manutenzione dell’ammortizzatore notevolmente più semplice. La Mezzer Pro ha anche una valvola di scarico che consente all’olio di fuoriuscire dalla cartuccia se la pressione nella camera d’aria diventa troppo alta; gli ammortizzatori a camera d’aria a volte possono incorporare l’olio di lubrificazione a bagno dai foderi, provocandone il riempimento eccessivo e la rottura, la valvola di scarico della Mezzer Pro risolve questo problema.

Sono disponibili sia la regolazione della  compressione ad alta (5 click) che quella a bassa velocità (11 click) come quella del rebound a bassa velocità e tutti i pomelli hanno una ampia gamma di utilizzo, che consente la regolazione fine per adattarsi a terreni diversi.

Assale, supporto del freno

Come al solito per una moderna forcella a corona singola, la Mezzer Pro utilizza un perno da 110 × 15 mm, che si fissa tramite un singolo bullone imperdibile nel forcellino lato pinza. Il perno passante è esagonale nel punto in cui si interfaccia con i forcellini, e il perno viene tirato all’interno del bullone, in modo che l’interfaccia esagonale non sia in grado di ruotare nel forcellino. L’asse esagonale ha lo scopo di evitare che il perno fletta negli urti violenti, in modo irrobustire e irrigidire la forcella.
Gli attacchi dei freni post-mount sulla Mezzer Pro sono dimensionati direttamente per un rotore da 180 mm e Manitou afferma che è possibile utilizzare rotori fino a 223 mm.

Manitou Mezzer Pro LE

Questa qui sopra è la Limited Edition della Mezzer Pro è disponibile sia in versione 27,5 che 29 pollici, entrambe con rake da 44, il più diffuso allo stato attuale con le nuove geometrie con angolo sterzo aperto. La corsa per entrambe le versioni è regolabile da 140 mm a 180 mm con incrementi di 10 mm semplicemente inserendo i distanziali (Token) in dotazione, invece di sostituire l’intera asta di scorrimento come avviene nelle forcelle concorrenti. In questo modo è possibile testare sulla propria bici diverse escursioni senza dover spendere nulla e con un semplice inserimento o estrazione di un distanziale all’interno.

Abbiamo ancora alcuni esemplari di questa versione in serie limitata per Enduro da 27,5 disponibili su pedaldomain.com

Insomma una forcella altamente versatile, molto personalizzabile sia con le regolazioni classiche di questo tipo di forcelle da Enduro, sia con la  possibilità di regolazioni aggiuntive semplicissime e che non richiedono l’intervento di un meccanico specializzato.

Come effettuare il primo Set Up

Ecco la guida Manitou per i settaggi divisi per escursione scelta della forcella e peso del Rider, che consente di trovare il settaggio dell’ammortizzatore in base allo stile di guida: trail, enduro, downhill.

Il sistema ammortizzante della Manitou Mezzer Pro ha due valvole dell’aria e tre camere, e può sembrare un sistema complesso da regolare. In realtà è semplicissimo da configurare seguendo pochi e semplici accorgimenti forniti dagli ingegneri Manitou.

Ricorda sempre, come primo step di gonfiare la valvola superiore (IRT) con un valore della metà del tuo peso corporeo (in libbre) in PSI. Quindi riempire la valvola principale inferiore (Positiva e Negativa) a 1/3 del peso corporeo (in libbre) in PSI. Da questo punto di partenza potrai apportare piccole modifiche sia alla pressione principale che all’IRT per regolare la sensazione iniziale della forcella VS la quantità di accelerazione VS l’altezza di guida dinamica. In verità, la regolazione di questo sistema di aria può essere semplice o complicata ma seguendo le indicazioni della casa è un processo semplicissimo. C’è anche un pratico grafico della pressione sugli steli inferiori che è sorprendentemente in sintonia con un set up aggressivo per un punto di partenza sempre a disposizione direttamente sulla forcella.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.